Domenica 16 Dicembre 2018
   
Text Size

D’ADDABBO: “ALLA RODARI BAGNI ROTTI DAL 2010”

giancarlo daddabbo

Se la scuola elementare Guglielmo Marconi ‘piange’, di sicuro l’istituto Gianni Rodari non ‘ride’. E con esso neppure gli altri plessi facenti parte del secondo circolo didattico ‘Rodari’. Il riferimento, come forse i nostri lettori avranno già intuito, è alle condizioni degli edifici che ospitano alunni, aule e personale scolastico.

A tracciare un quadro della situazione relativa al circolo didattico ‘Rodari’ – a pochi giorni dalla protesta inscenata da alcune mamme che si sono fortemente lamentate per le condizioni in cui si trova l’edificio che accoglie l’elementare Marconi, e alla quale è seguito l’inizio dei da tempo annunciati interventi di manutenzione – è il dirigente scolastico dello stesso circolo, Giancarlo D’Addabbo. “Per quel che riguarda le scuole di mia competenza, dunque la Rodari, e gli istituti dell’infanzia Collodi e Ciari – osserva a tal proposito D’Addabbo – posso dire di aver inviato nel tempo decine di segnalazioni all’ufficio tecnico del Comune, evidenziando la necessità di effettuare vari interventi di manutenzione, ma quasi tutte queste richieste sono rimaste senza risposta. Se si rompe un bagno nel 2010, come è avvenuto – prosegue ancora il dirigente scolastico – non è pensabile che nel 2012 lo stesso sia ancora chiuso, così come non è possibile incontrare difficoltà se si ha necessità di sostituire una porta rotta o una maniglia. Dieci anni fa era più facile gestire la manutenzione degli edifici scolastici, anche perché a questo scopo venivano investiti 10-13mila euro all’anno, oggi invece le risorse sono molto più esigue e noi dirigenti scolastici, di conseguenza, siamo esposti a responsabilità enormi: i primi a dover vigilare sulla sicurezza dei nostri alunni, infatti, siamo noi, che facciamo il nostro lavoro con spirito di responsabilità e tra mille problemi e carenze a livello di manutenzione degli edifici”.

“Alla Rodari, per esempio – continua D’Addabbo – i bagni funzionanti sono poco più della metà di quelli esistenti nella struttura, gli altri presentano tutti dei problemi, alcuni sono fuori uso addirittura da anni; alla Collodi, invece, i bagni realizzati nella nuova zona della scuola non sono utilizzabili, perché non vi è stato un corretto allaccio alla rete fognaria e dunque non vi è una pendenza tale da permettere il regolare scorrimento e deflusso delle acque. Il che significa che ben 242 bimbi iscritti alla scuola sono costretti ad andare nei bagni presenti nell’ala vecchia della struttura, facendo spesso anche lunghi percorsi per raggiungere i servizi. Questa situazione è stata da me segnalata all’assessore alla pubblica istruzione, Pino Gengo, il quale mi disse – eravamo nel 2011 – che sarebbe stata presto risolta: eppure al momento nulla è ancora cambiato. La Ciari invece, anche per la forma a cappello del suo tetto che fa sì che la scuola venga comunemente chiamata ‘Il fungo’, presenta problemi legati a infiltrazioni d’acqua, che nonostante i numerosi interventi di impermealizzazione effettuati negli anni non sono stati ancora definitivamente superati. Tant’è vero che nello scantinato dell’asilo, dunque per fortuna in una zona non frequentata dai bambini, sono evidenti delle muffe. Queste sono le condizioni nelle quali siamo costretti a lavorare con i nostri bambini, ora speriamo che le cose possano presto migliorare”.

Commenti  

 
#15 PER LA VERITA 2012-11-09 17:30
vorrei ricordare che sono anni che l'iscrizione alla scuola secondaria di primo grado (ex scuola media)è accompagnata da un versamento di 20/25 euro di autofinanziamento e di questo non ha mai detto nulla nessuno. Si richiedevano questi soldi in tempi non sospetti, quando arrivava il fondo d'istituto dal ministero. Siete a conoscenza del fatto che ad oggi 9 novembre il fondo d'istituto non è ancora arrivato nelle scuole? Piuttosto che sparare a zero senza competenza alcuna, non sarebbe il caso d'informarsi? I genitori eletti a rappresentante di classe, entrino nel merito della questione, partecipino ai consigli di circolo, vivino la scuola. Fare il rappresentante di classe non vuol dire " comprare il regalo a natale alle maestre! cosa obbrobbiosa e fuori luogo. Essere rappresentante vuol dire sapere che i vostri figli sono passati da avere 30 ore di lezione ( nella scuola primaria) a 27 ore e che i programmi ministeriali non sono cambiati. Vuol dire sapere che non ci sarà possibilità di ampliamento dell'offerta formativa senza soldi ministeriali. Che dovremo accontentarci del minimo che si possa dare. Vuol dire sapere che sono state diminuite le ore d'italiano e matematica ,mentre sono rimaste invariate le ore di religione ( con tutto il rispetto dei cattolici). vuol dire che informatica non si fa più e sono stati spesi milaeuro per organizzare aule multimediali. Vuol dire tante cose, che vanno ben oltre gli 8 euro, che se anche li avesse chiesti per autofinanziamento il dirigente avrebbe fatto più che bene! I nostri figli vanno a scuola , con le tasche piene di pacchetti di figurine per i quali sono stati investiti molto più che 8 euro e vi fa rivoltare il fatto di versare un contributo per comprare la carta igienica?la colpa non è di chi ci governa, ma di un popolo che non si informa e autorizza i potenti a trattarci da pecore!
 
 
#14 toro inca 2012-11-09 16:55
i più incazzati vengono sbattuti fuori dalla sinistra ed io ne so qualcosa. E' necessario un cambio dei segretari di partito perche son tutti di famiglia.
 
 
#13 doccia fredda 2012-11-09 16:51
Quello che scrive Miriam aldila del fatto se è vero o non vero non dovrebbe scandalizzarci se teniamo presente che qualche anno fa i genitori degli alunni si son pittati le aule della rodari e altri hanno ristrutturato la palestra dela scuola media che era inagibile..ovviamente tutto gratis. Quoto le parole di Line.
 
 
#12 Miriam 2012-11-09 15:48
Mi dispiace signora o signore che sia... Ma i soldi per la ristrutturazione (che siano 8 euro o un contributo non esplicitato) sono stati chiesti veramente ai genitori durante i consigli di classe. Sicuramente era a discrezione di ognuno decidere se versare il contributo oppure no...Mi lamento "solo" della poca sicurezza esistente nella scuola e credo che sia più che lecito farlo presente...Non sto additando nessuno come responsabile, anche perchè i responsabili sanno benissimo di esserlo. Vorrei solo che i bambini quando vanno a scuola per imparare siano in un luogo SICURO al 100% e aldilà delle critiche bisognerebbe essere tutti uniti per raggiungere questo obiettivo che credo sia comune a tutti. D'ora in poi sarà meglio andare con i registratori ai Consigli di Classe...
 
 
#11 X Miriam 2012-11-09 11:49
Signora Miriam, ma di cosa parla? Le 8 euro richieste sono per l'assicurazione (3.5) cancelleria e detersivi che lo stato non passa più. Se vuole protestare, quindi, prenda un bel bus e vada Roma, si rivolga a Monti, se vuole le indico la strada. Si facciamo la rivoluzione per 8 euro. Prima di parlare sia lei che "Line" e di sparlare su tutto e tutti conviene essere informati. P.S. Se avesse chiamato striscia...bella figura avrebbe fatto!
 
 
#10 Miriam 2012-11-09 10:46
Grazie per l'appoggio Line. Ma qua il problema non è di destra o di sinistra, la questione è la sicurezza dei bambini... Per una cosa del genere si dovrebbe chiamare Striscia la Notizia, chiedere soldi alle famiglie per ristrutturare la scuola pubblica è vergognoso.... Purtroppo il vero problema è che qua in Italia devono prima accadere fatti spiacevoli e poi forse si iniziano a prendere provvedimenti...Che schifo!!!
 
 
#9 LINE 2012-11-08 21:26
Miriam sei fantastica...e se penso che il direttore di quella scuola si presta a proporre questa cosa ai genitori degli alunni mi vengono i brividi considerando che non mi aspetterei questo atteggiamento da uno che milita da sempre nelle forze di sinistrae poi penso anche al suo segretario di partito che è una insegnante. Per una cosa del genere non si dovrebbe solo protestare in consiglio ma si dovrebbe fare molto di più. La sinistra a Casamassima non esiste più...sono tutti rammolliti senza spina dorsale. Certi atteggiamenti posso aspettrmeli da un centrodestra come quello casamassimese ma non dalla sinistra. Sinistra risorgi con persone nuove e incazzate veramente e non solo per fare finta.
 
 
#8 Miriam 2012-11-08 16:55
La cosa più grave di questa triste situazione è che venga richiesto un contributo libero minimo di €8,00 per agli alunni della Scuola Rodari per iniziare i lavori di ristrutturazione. E' vergognoso che per la sicurezza di una struttura pubblica vangano chiesti dei soldi alle famiglie dei bambini... Quando a 100 metri dalla scuola hanno appena costruito una rotonda con tanto di ulivo ornamentale al centro...
 
 
#7 oppositore 2012-10-06 19:26
per due pesi e due misure ricorda che anche quelle strade son state approvare e finanziate dall'amministrazione de tommaso e chi l'ha fatto cadere lo ha fatto al momento giusto ...per cogliere i frutti..vediamo se il sindaco Birardi smentisce questa affermazione : anche il rifacimento delle strade intorno al centro storico sono opera della giunta Detommaso..VERO O FALSO ?
 
 
#6 Vinc 2012-10-05 19:58
.. noooo daaaaiii... ma quali problemi...???!! per l'amministrazione tutt'appppoooossstttt... questa la politica dello smile e dei baci abbracci!! bravo d'addabbo, hai fatto bene a "gridare" ma non dovete calvare l'onda del casino che hanno fatto le mamme... dovete incazzarvi + spesso e fare un pò + casino... forse è solo così che si possono ottenere dei risultati... forse...
ma dico io come si fa a sbagliare la pendenza degli scarichi... com'è possibile che gli antichi romani portavano l'acqua a roma facendogli fare migliaia di Km. con il solo utilizzo della pendenza... qualcuno di buona volontà mi può rispondere qualcunaltro che ha sbagliato cosa aspetta a riparare a queste ca..... a proprie spese... ma forse a questi qualcuno non gli hanno insegnato che chi sbaglia paga?? forse no... sorridete....tuttaaappooosssttt!
 
 
#5 2 pesi 2 misure 2012-10-05 18:41
Per REDAZIONE:
l'attuale amministrazione con il suo "poco fare" ha contribuito a far si che voi vi sbizzarriste con numerosi articoli contro di essa,e non ci vuole molto a capire che sponsorizzate il partito di opposizione"AUTONOMIA CITTADINA" però ogni tanto sprecate qualche articolo anche su quel po' che l'amministrazione tenta di fare; :lol: stanno riasfaltando e aggiustando le principali strade e vi SEMBRA POCO? fate un articolo con tanto di foto durante e dopo i lavori che diamine un po' di democrazia dell'informazione.Quando si tratta di serpenti,bidoni,e cornicioni pericolosi pubblicate foto e articoli e adesso........saluti
 
 
#4 ciro 2012-10-05 14:42
Tutto vero, anzi certi interventi non vengono eseguiti da prima del 2010. Le scuole pubbliche in quasi tutta Italia sono ormai ridotte malissimo, e con i tagli ormai incessanti al personale viene meno la sorveglianza e le aule i bagni i laboratori, sono puliti il minimo indispensabile ,ma state certi che i presidi non denunceranno mai tale disservizio, sono buoni a criticare quelli del comune.
 
 
#3 vincenzo n. 2012-10-05 12:11
GRANDE PEPPINO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
 
 
#2 OOH! 2012-10-05 10:48
Ma quando D'Addabbo sedeva in maggioranza cosa ha fatto per gli edifici scolastici? Possibile che ora si ricordi dei bagni rotti e dei problemi di manutenzione? "Causa del mal" siete stati tutti voi, ma qui ora, piangiamo tutti!!!!!
 
 
#1 Peppino. 2012-10-05 09:54
A questo punto...chiediamo al vaticano se a Casamassima ci possono mandare degli aiuti umanitari come l'Africa!!! Aiuta anche tù i Bambini di Casamassima!!!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI