Lunedì 17 Dicembre 2018
   
Text Size

MATRIMONI, LA CRISI PIEGA IL SOGNO ROMANTICO?

tratti damore 2012 01

"Carezze per gli occhi, baci per il cuore". È il leitmotiv che echeggiava ieri sera nello scenario da fiaba offerto da Masseria Cariello Nuovo dove ha avuto luogo, per il secondo anno di seguito in una Casamassima settembrina, Tratti d'amore, Wedding shabby & charme.

L'evento, ideato e promosso da Grazia Cinieri e diretto artisticamente da Marina Aloia, ha letteralmente traghettato giovani coppie di futuri sposi casamassimesi in un viaggio immaginario alla ricerca delle tendenze sorte di recente nell'universo del "wedding".

La serata, all'insegna di un'eleganza al tempo stesso sobria e raffinata, si è infatti caratterizzata per un'esposizione affidata a professionisti del settore che, allestendo una serie di showroom, hanno permesso ai presenti di scoprire le ultime novità concernenti ambiti legati al matrimonio come la pasticceria, la fotografia, gli accessori moda, l'arredamento.

Ma non solo. Come da rituale, in una cornice, quella di un'antica masseria nobiliare, che si presta all'alternanza tra classico e moderno e che a tratti è in grado di fondere le due realtà, il pubblico è stato intrattenuto da una serie di performance artistiche in un intreccio di arte, cultura, estro creativo e colori.

Talvolta momenti come il passaggio di camerieri muniti di vassoi contenenti piccoli assaggini di specialità della casa, l'intrattenimento musicale affidato alle note della Michele Di Monte Band e l'avvicendarsi di fotografi al centro della scena sono stati intervallati da sfilate dedicate sia agli abiti da sposa che ad abiti per invitati dal fascino chic o esotico.

Numerose sono state però anche le novità nell'organizzazione dell'evento rispetto allo scorso anno, cambiamenti messi in evidenza nel corso della serata dal pubblico presente. L'evento, dedicato principalmente all'ambito della moda, si è svolto interamente in piedi, mentre lo scorso anno i presenti avevano a disposizione diverse file di sedie posizionate lungo i bordi della passerella. La conduzione, affidata nel 2011 a Ilaria Turi, ex concorrente tarantina del Grande Fratello 4, nonché giornalista attualmente in forza a TeleNorba, è stata sostituita per l'ultima edizione da una voce femminile fuori campo. Seppur suggestiva, tale scelta non ha lasciato molto spazio agli espositori, a ognuno dei quali lo scorso anno era stato riservato un particolare momento nel quale presentare al microfono i propri articoli o le proprie creazioni.

tratti damore 2012 02

Probabilmente si è trattato di una scelta strategica messa a punto allo scopo di rendere più dinamico l'evento e di stimolare la curiosità dei partecipanti. Bisogna considerare, tra l'altro, che ieri come non mai l'esposizione non si è incentrata solo su ambiti tradizionali ma anche e soprattutto sulla cura del dettaglio. Ampio spazio è stato dedicato agli accessori, alla pittura, alla manicure, ai massaggi.

Perché allora, nonostante l'attenzione riservata alle molteplici richieste di un pubblico sempre più vario ed esigente, nella splendida cornice di Masseria Cariello Nuovo ieri si percepiva qualche stranezza? Il numero delle persone presenti era inferiore rispetto allo scorso anno e di conseguenza la gente in giro per gli stand meno. A detta di qualcuno anche la presenza di coppie di futuri sposi si è decisamente ridotta se paragonata a settembre 2011 ("Chissà poi chi si sposa in questa fase di profonda incertezza"). La crisi economica avrà alla lunga colpito anche l'intramontabile mondo romantico dei matrimoni?

L'evento ha comunque dimostrato che le idee e le capacità davvero non mancano nella nostra terra. Nessuno può prevedere in che modo si evolverà la situazione socio-economica italiana nei prossimi tempi ma di sicuro ci sarà sempre qualcuno che avrà la capacità di andare avanti e di reinventarsi, in particolare chi realizza prodotti di qualità, basati su tratti distintivi come l'eleganza, la sobrietà e l'innovazione. Forza e coraggio.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI