SCUOLA SUPERIORE, IL PRIVATO REPLICA AL SINDACO

scuola superiore progetto

Leggo su Casamassimaweb, a proposito della posa della prima pietra della scuola superiore quanto testualmente segue: "Forse qualcuno non ha capito che l'interesse pubblico va oltre l'interesse privato di qualcuno, e di fronte all'interesse pubblico nessun ricorso, nessuna opposizione doveva essere fatta" (segue: scroscio di applausi dal palco).

 

QUESTA INVECE LA MIA MODESTA RIFLESSIONE: Ecco! La politica incomincia a occuparsi dell'interesse privato perpetrato a "mezzo di ricorso giurisdizionale". Non capisco perché se ne occupi, ma non mi soffermo sul punto.

Spero, però, che la stessa politica, in generale, possa meglio occuparsi dell'interesse privato dei pubblici amministratori (non dei privati)..... magari condividendo che i ricorsi e le opposizioni, almeno in Italia, non devono essere proposti soltanto se vi è il beneplacito dei politici!

Comunque, pazienza, spero che i fatti potranno provare che i lavori relativi alla costruzione della scuola superiore non sono stati bloccati dal ricorso al Tar che il privato ha presentato il 19 marzo 2012. Quei lavori sono stati sospesi dall'impresa appaltatrice, magari per fatti che potrebbero essere anche meramente tecnici, ben nel dicembre 2011. Quindi tre mesi prima della proposizione del ricorso al Tar. Se questo non bastasse, non posso servirvi oltre!

Oltretutto, tra un ricorso e l'altro (ce ne sono ben altri quattro in piedi), lo stesso privato attende che i "padroni" della Maglia P19+V19 (per così come falsamente tracciata su di una Tavola del Piano Regolatore) decidano, dopo aver costruito su di essa un "Bingo" e una "Scuola alberghiera", di rimettere in pristino lo stato di diritto, concedendo al privato proprietario dell’area residua, di esercitare esattamente "il legittimo interesse privato"..... quello del privato naturalmente…. non quello del pubblico amministratore. E scusate se si richiede tanto! Almeno si rimuoverebbe "l'esproprio proletario", di fatto imposto per ben 28 anni, con i consequenziali danni!

E quale sarebbe per il privato il motivo per bloccare i lavori di costruzione della scuola!? Dal canto suo il privato, proprio grazie all'incoraggiamento dell'attuale sindaco, ha già depositato per l'approvazione un nuovo progetto sul residuo di quella Maglia. Lo ha finalizzato ad attività per il pubblico interesse anche se, purtroppo, fortemente penalizzandole nella distribuzione urbanistica per la mancata pianificazione di secondo grado dell'intera Maglia. Pianificazione questa, di notevole importanza giuridica ed economica, visto che è stata messa in piedi dallo stesso Comune di Casamassima, condivisa dal Tar di Puglia - Bari, confermata, almeno sino ad ora, dal Consiglio di Stato.

Questo dovevo per il momento.

Con cordialità, Leonardo Nanna