Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

VENERDì PASSIAMO AL DIGITALE: COSA ACCADE?

digitale terrestre

Si avvicina il momento in cui anche la Puglia passerà alla tv digitale: a Casamassima lo switch-off è previsto per venerdì 25 maggio.

Qualche giorno fa, in Regione Puglia, si è svolta una conferenza: “La Puglia ha messo in campo tutte le forze necessarie per creare minor disagio possibile ai cittadini e per rendere lo ‘switch-off’ un’opportunità di crescita della nostra comunità”, ha riferito il presidente del Consiglio regionale Onofrio Introna, sottolineando l’intensa collaborazione avvenuta tra la Regione e il Corecom perché il segnale raggiunga tutte le famiglie.

Sono stati stipulati due protocolli d’intesa con le associazioni di categoria e quella dei consumatori per rendere meno traumatico il passaggio al digitale terrestre. “Si deve puntare sull’informazione e l’assistenza diretta, ha detto Blasi. Già dallo scorso fine settimana hanno opererato 15 punti informativi all’interno dei centri commerciali e l’associazione dei consumatori con i propri 140 sportelli regionali assicurerà assistenza anche nei giorni seguenti il passaggio.

Molto importante l’accordo stipulato con l’associazione di categoria degli antennisti che ha permesso la pubblicazione di un tariffario, dall’installazione del decoder all’eventuale sostituzione dell’antenna, così da garantire la massima trasparenza agli utenti. Per meglio informare il consumatore saranno distribuiti 300mila opuscoli e trasmessi spot televisivi nel circuito dell’emittenza locale. Il presidente del Corecom, Felice Blasi, ha definito quest’operazione “un processo di modernizzazione dell’informazione, non solo un adeguamento alla normativa europea”. L’introduzione della tv digitale non solo migliorerà la qualità dell’immagine e renderà possibile la visione di più programmi, ma soprattutto è “ecologica” perché la diminuzione delle stazioni trasmittenti comporterà un minor inquinamento elettromagnetico. Il presidente Introna non dimentica che la transizione al digitale terrestre rappresenta un momento decisivo per le emittenti pugliesi: “Sono un altissimo presidio democratico che garantisce una pluralità di informazione e un confronto sempre aperto”.

Inoltre, con 35 voti favorevoli l’aula ha approvato all’unanimità le disposizioni per il passaggio alla diffusione televisiva digitale. Obiettivo della legge è semplificare le procedure relative all’iter autorizzativo degli impianti televisivi fatte salve le norme in materia di tutela della salute e nel rispetto dei limiti alle emissioni elettromagnetiche.
Il provvedimento si applica esclusivamente alle istanze di adeguamento tecnologico degli impianti esistenti già provvisti di concessioni, mentre per la realizzazione di altri tipi di interventi e per i nuovi impianti valgono le disposizioni nazionali e regionali vigenti.

Per quanto riguarda le caratteristiche di modifica dell’impianto, la legge si applica agli interventi che non comportano aumenti dei livelli di emissioni elettromagnetiche né modifiche ai volumi edilizi e alla sagome dell’impianto, e fissa al 23 maggio per la provincia di Foggia e all’ 8 giugno per tutte le altre province, il termine entro cui i titolari devono inviare la documentazione al Comune e ai dipartimenti provinciali competenti dell’Arpa Puglia per poter effettuare gli adeguamenti.

In merito invece all’istanza di una proroga dei termini avanzata dalle emittenti locali, e su cui il Consiglio attende il parere delle strutture tecniche dell’assessorato, il presidente della V commissione, Donato Pentassuglia ha dichiarato la disponibilità a “intervenire successivamente in fase regolamentare”.

Commenti  

 
#1 giuseppe 2012-05-23 12:21
che vi dovete comprare un nuovo televisore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI