Domenica 09 Dicembre 2018
   
Text Size

USURA, CASAMASSIMAWEB E CODICI ANTICIPANO RAI3

convegno usura

Si è tenuto venerdì pomeriggio, all’Hangar pub, il convegno sull’usura organizzato da Maria bovino, referente di Codici Casamassima.Tra i relatori, oltre alla stessa Bovino nel ruolo di moderatrice, il nostro concittadino Fabio Nanna, direttore de Monti dei Paschi di Siena di Taranto, l’avvocato Carmine Laurenzano, dell’Ufficio legale nazionale di Codici Roma, e Maria Antonella Pasculli, docente di Diritto penale. L’evento ha visto la presenza del Comandante dei Carabinieri, Rocco Colacicco, del vicesindaco Ninni Columbo, e degli assessori Pino Gengo e Maria Montanaro.
Bovino ha inizialmente messo a conoscenza i cittadini presenti dell’apertura dello sportello antiusura Apa, Associazione pugliese antiusura - di cui lei stessa è presidente - al servizio delle vittime di usura e racket. L’Associazione avrà sede sempre nello sportello dove Codici è attiva in varie aree, in modo da garantire la privacy del cittadino.
Dopo la proiezione del corto “Buona notte San Tino”, l’avvocato Laurenzano ha illustrato come ormai l’usuraio che bussa alla porta per chiedere soldi è in percentuali minime, irrisorie. Il nuovo usuraio è inserito in un contesto sociale, ha una vera rete di conoscenze e collaboratori, ed è ormai legalizzato, prendendo le sembianze di numerose banche e finanziarie. Ha illustrato come le attuali leggi dello stato, come la 108 del ’96, siano ormai obsolete e non adatte al nuovo panorama dell’usura. Ora le nuove forme di usura sono gli assegni post-datati, ad esempio, o i contratti con i fornitori. Le associazioni contro l’usura ricevono più denunce rispetto alle forze dell’ordine: il motivo per cui spesso le vittime non vogliono denunciare è che la vedono come qualcosa di inutile, che non le aiuterà a risolvere il problema, dopo un percorso lungo dagli esiti molto incerti. E temono l’indifferenza dei propri concittadini, la solitudine in cui vengono proiettati per aver sporto denuncia.
Pasculli ha illustrato il panorama legislativo, sottolineando come il sistema non funzioni. I pubblici ministeri, nella maggior parte dei casi, non prendono in considerazione le denunce, lasciano cadere i termini di prescrizione, e si interessano solo a questioni che possono offrire loro una certa rilevanza sociale.
Fabio Nanna, invece, ha evidenziato l’importanza di sapere, conoscere il funzionamento degli istituti di credito, sottolineando l’importanza di 3 aspetti fondamentali: la trasparenza, per cui in ogni banca o finanziaria o istituto di credito devono essere esposti tassi medi di interesse e calendari dei titoli di stato; le regole e i parametri a cui le banche devono sottostare; e tenere presente che la banca ha carattere di impresa e come tale deve svolgere attività in un mercato che ora è in profonda crisi. E' necessario anche informarsi sulle iniziative a sostegno delle difficoltà di molte persone, come la sospensione del pagamento delle rate dei mutui o i conti senza spese per i pensionati.
La risposta partecipativa è stata abbastanza positiva. Si spera in una maggiore presa di coscienza del fenomeno delle sue nuove forme quasi legalizzate, i cosiddetti “colletti bianchi”.

***

Nota della redazione: durante la trasmissione di oggi, domenica 6 maggio, del programma Rai3 di Lucia Annunziata, In mezz'ora, si è affrontato il problema delle tasse con particolare riferimento all'Imu e alla riscossione delle stesse, mettendo in evidenza come i Comuni stiano tentanto di trovare un'alternativa a Equitalia. Il laccio strangolatore per molti cittadini in difficoltà con il pagamento delle tasse era stato messo già in evidenza dalla nostra redazione nel corso della prima puntata de Il moscone - porta notizie, andato in onda giovedì scorso. Puntata nella quale si era discusso proprio del problema usura e dell'azione coercitiva di Equitalia. QUI IL VIDEO.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI