Mercoledì 12 Dicembre 2018
   
Text Size

MONITORAGGIO ANTIMAFIA A CASAMASSIMA

casamassima1

Casamassima sarà un paese monitorato.

È stato difatti sottoscritto in Prefettura, sabato mattina, il protocollo d’intesa che punta a prevenire i tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nel settore degli appalti pubblici.

Due enti locali e 17 amministrazioni comunali sono i primi firmatari dell’accordo: insieme a Casamassima, Acquaviva, Alberobello, Altamura, Bitonto, Capurso, Cassano, Gioia del Colle, Giovinazzo, Gravina, Modugno, Paolo del Colle, Rutigliano, Sammichele, Santeramo e Terlizzi, cui si sono aggiunti i rappresentanti dello Istituto autonomo case popolari (con il commissario straordinario Raffaele Roberto) e dell’Università (con il rettore Corrado Petrocelli).

L’obiettivo quello di incrementare le misure di contrasto ai tentativi di infiltrazione mafiosa per garantire trasparenza amministrativa, soprattutto nelle procedure di affidamento e di realizzazione delle opere.

Cosa comporta dunque, questo, per le amministrazioni pubbliche? L’impegno di richiedere alle aziende vincitrici di appalti pubblici soprasoglia (cioè pari e superiori a 250mila euro), tutta la documentazione antimafia. 50mila invece, è il tetto minimo per i servizi di fornitura e per i contratti in subappalto.

In questo protocollo sono finite anche le attività esenti da controlli antimafia, come forniture sensibili, trasporto di materiale a discarica, smaltimento rifiuti, movimento terra e inerti, bitume e noli a freddo, servizi di autotrasporto, acquisizione di prodotti da cave, guardiania di cantiere.

Commenti  

 
#1 codici.casamassima@c 2012-04-23 15:20
buona l'iniziativa
mi auguro che tutti quelli a cui piace siano miei ospiti il 4 maggio 17.30 presso l'hangar pub per un convegno contro l'usura, la criminalità organizzata, il sistema bancario e finanziario e tanto altro. inoltre ci sarà un dibattito dove tutti possono fare domande, esibire problematiche.codici vi aspetta
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI