Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

LA CORTE COSTITUZIONALE BOCCIA LA NORMA SALVA BANCHE

banca

L’associazione UniCons plaude alla sentenza della Corte Costituzionale, che accogliendo le ordinanze di 9 tribunali, ha bocciato la norma, inserita nel decreto milleproroghe di fine 2011, che restringeva a 10 anni dal momento dell’addebito degli interessi anatocistici la possibilità di contestarli e richiederne la restituzione.

Essendo la pratica dell’anatocismo (cioè la contabilizzazione di interessi degli interessi passivi) vietata dal 2000, in questo modo veniva negata ogni possibilità di richiesta anche nel caso il conto corrente fosse stato chiuso successivamente.

La Corte ha affermato che tale norma contrasta con l’art. 3 della Costituzione,  in quanto «facendo retroagire la disciplina in esso prevista, non rispetta i principi generali di eguaglianza e ragionevolezza». Inoltre, «non è dato ravvisare quali sarebbero i motivi imperativi di interesse generale, idonei a giustificare l’effetto retroattivo» della norma.

“È una sentenza molto importante”, dichiara Francesco Saverio Del Buono, responsabile dell’ufficio legale UniCons, “in quanto con l’abrogazione di questa norma i consumatori potranno richiedere la restituzione degli interessi anatocistici nei dieci anni successivi alla chiusura del conto corrente, anche se l’addebito si riferisce a periodi precedenti.

La nostra associazione, alla luce di questa sentenza, è pronta a tutelare tutti gli utenti bancari vittime di questa appropriazione indebita; coloro che sono interessati e vogliono intraprendere le procedure per la restituzione di quanto dovute, possono contattare la nostra associazione al numero di telefono 348 0086073 o all’indirizzo email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

Commenti  

 
#1 Europpositore 2012-04-09 20:22
Sarebbe da bocciare l'euro e tutta l'europa che ha voluto queste norme sul nostro sangue..
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI