Domenica 16 Dicembre 2018
   
Text Size

GIUDICE DI PACE, CHIUDE ACQUAVIVA. I COMUNI NON CI STANNO

giudice di pace

Mercoledì scorso, 16 febbraio, si è tenuta la Conferenza dei Comuni limitrofi convocata dal sindaco di Acquaviva, con all’ordine del giorno le determinazioni da assumere in merito alla disposizione normativa che prevede la soppressione degli uffici del Giudice di pace.

Alla conferenza erano invitati i sindaci, o loro delegati, dei comuni di Adelfia, Casamassima, Cassano delle Murge, Gioia del Colle, Sammichele, Sannicandro e Santeramo in Colle.

I presenti hanno sottoscritto un verbale di intesa che prevede la presenza sul territorio dell’Ufficio del Giudice di pace. A tal fine si è condivisa la necessità di costituire un Consorzio, come previsto dalla normativa, per poter riconfermare la titolarità ad Acquaviva della sede del Giudice di pace.

È stata decisa, inoltre, la costituzione di un comitato tecnico di supporto alla Conferenza dei Comuni, che valuterà gli aspetti economici e tecnico-giuridici.

Alla fine della conferenza i sindaci si sono impegnati per un prossimo incontro, fissato a breve termine, per seguire la fase amministrativa.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI