Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

LA FORZA DELLA PREVENZIONE

lilt monacelle 5

La prevenzione in oncologia, per una migliore qualità di vita”. È questo il titolo del convegno scientifico tenutosi ieri sera a Palazzo Monacelle. Nella serata conclusiva della 7° edizione della Sagra del vino, l’associazione Lilt di Turi, guidata dalla sua responsabile, Cristina Cozzolino, ha accolto medici esperti per una serata all’insegna della divulgazione dell’educazione alla prevenzione.

Insieme ai volontari turesi che hanno organizzato l’evento, ogni autorità medica ha offerto al numeroso pubblico intervenuto un forte richiamo all’amore per se stessi e i propri cari, affinchè quella che ancora oggi sia considerata una malattia incurabile diventi, una facile cura.

Al tavolo di discussione, insieme alla dott.ssa Cozzolino, il sindaco di Casamassima, Mimmo Birardi, il presidente nazionale della Lega italiana lotta ai tumori, nonché presidente della Provincia, Francesco Schittulli, il ginecologo Gaetano Falco, specialista in oncologia e il chirurgo oncologo Tommaso Berardi.

Alla serata ha preso parte anche il vicesindaco di Turi, Paolo Tundo, anche lui particolarmente coinvolto dalla tematica trattata. Esperienze di vita propria intessute a esperienze di medico oncologo, hanno reso il pubblico attento e partecipe alle parole ascoltate. Forti sono risuonate le parole del presidente nazionale Lilt dinanzi alle cause che determinano le insorgenze dei tumori: fumo, stili di vita errati, cattiva alimentazione, sono tutti comportamenti che mettono a rischio la salute umana e la rendono particolarmente propensa a possibili malattie. “Oggi in Italia si contano però circa il 60% di guarigioni da cancro grazie alla prevenzione, ma si può fare di più, si può raggiungere l’80% se tutti svolgessero regolari controlli” – ha ammonito il prof. Schittulli.

lilt monacelle 6

Una campagna preventiva è svolta sin dal 1922 dalla LILT che in Italia conta oggi ben 395 ambulatori “la maggior parte al Nord – ha continuato il presidente – ma ci stiamo impegnando affichè anche al Sud si aprano nuovi centri dove i medici, gratuitamente, effettuano controlli a tutti i pazienti che ne facciano richiesta”. Oncologo come medico, ma soprattutto amico, vicino ai propri pazienti e in grado di ascoltarli e lenire quelle che sono le loro paure riducendo al minimo l’impatto di “anormalità” che spesso e purtroppo un malato di cancro sente. “Dobbiamo restituire il malato alla sua regolare vita, è questo il nostro obiettivo” - ha tuonato il dott. Berardi, che ha chiuso incentivando tutti all’educazione alla prevenzione, sin da bambini e sin dalla scuola, senza timori e paure, perché solo regolari e semplici controlli possono sconfiggere il cancro. “La salute è un bene sociale e come bene comune va sostenuta e ricercata attraverso la prevenzione”.

A chiudere la serata, come è stato annunciato dalla vice responsabile della Lilt, sezione di Turi, Annamaria Camponobile, la soprano Nadia Divittorio che, dopo un comune accenno all’Inno di Mameli, ha allietato il pubblico con le note tratte dalla “Tosca”, “Madama Butterfly” e “Caruso”.

Commenti  

 
#7 Mary 2011-07-24 16:26
Perchè non ti piace la Cozzolino?
 
 
#6 bho 2011-07-21 17:05
Con tutto il rispetto per la sig. cozzolino, penso che il posto da presidente della lilt debba essere occupato dalla sig. Camponibile.
 
 
#5 Stella 2011-07-21 09:58
..e non dimentichiamoci dell'inquinamento eletromagnetico con le antenne e ripetitori di telefonia che Casamassima ne è stracolma
 
 
#4 Luisa 2011-07-20 17:05
Parlate di prevenzione, vita sana, alimentazione buona. Tutte belle parole......Ma non dite che "quello che resta del Governo nazionale", ha disposto ulteriori tagli alla sanità, creando più disparità di trattamento tra Nord e Sud. Vorrei ricordare che in Puglia è stato disposto un finanziamento pari a un decimo della somma stanziata per la Lombardia e ordinata la chiusura del 50% degli ospedali esistenti. Inevitabili problemi sorgeranno sull'occupazione e sullo stato sociale, nonché nell’assistenza ai malati. Non si occupa ma si licenzia. La Destra meridionale subisce in silenzio i ricatti di Bossi. E poi si ha il coraggio di tappezzare Bari di manifesti sull'Irpef di Vendola. Non è più tempo di imbrogliare la gente che ormai ha le P.... piene di un certo modo di fare politica (anche di sinistra). Parlare di prevenzione a Casamassima e non dare informazioni circa la qualità dell'aria che respiriamo, mi sembra un controsenso. Vorrei ricordare che nel comprensorio Casamassima Turi Rutigliano Noicattaro Adelfia eccetera, vengono scaricati nell'aria notevoli quantità di sostanze chimiche per l’agricoltura di cui non si dichiarano i principi attivi e la loro nocività. Ed il dottor Schittulli non ha parlato dell'incidenza tumorale in detto territorio legata a tale fenomeno, nonché sulla mancanza di informazioni ai nostri coltivatori che, nottetempo, scaricano tali sostanze sui prodotti agricoli e nell'aria circostante. Quindi la domanda è: Come si fa a mangiare e respirare bene ed a fare una vita sana se a monte esistono tali problematiche? Infine vorrei chiedere al dottor Schittulli: Perchè si occupa di politica e non si dedica completamente ai problemi tumorali, in forte crescita, dal momento che c’è un forte bisogno di esperti in materia? Ma forse la politica gli ha già dato tanto.
 
 
#3 Cinzia Debiase redaz 2011-07-19 16:23
La Lilt si sta impegnando in una serie di appuntamenti che la vedranno organizzare convegni scientifici nei paesi in cui è stata data disponibilità. Primo tra questi, il comune di Casamassima. Seguirà a settembre a Turi e ad ottobre Conversano. Per questi due appuntamenti non ci sono conferme in merito a date o partecipanti. Quindi si attendono maggiori informazioni.
 
 
#2 turese bravo 2011-07-19 13:30
Perche'sig .Cozzolino non ripetete l evento anche a Turi sede della lilt?La prevenzione deve essere fatta in tutti i comuni e non solo in quello piu' simpatico..... :zzz
 
 
#1 arch. A_P 2011-07-19 12:56
Serata interessante , di una chiarezza e serenità coinvolgente ... le esperienze anche traumatiche di alcuni rese pubbliche per testimoniare che la prevenzione è tutto e che con la prevenzione si può raggiungere oltre l'ottanta percento di risultato positivo nella battaglia contro il male di sempre .................
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI