Martedì 18 Dicembre 2018
   
Text Size

L’EVOLUZIONE DEL CENTRO STORICO. OPPORTUNITÀ: L’ALBERGO DIFFUSO

casamassima_borgo

Anche la Puglia avrà l’albergo diffuso, o meglio la legge: è stata approvata infatti la proposta, lunedì, all’unanimità dalla Commissione turismo: “la Puglia aggiunge un prezioso tassello all’ulteriore sviluppo del suo turismo che rappresenta, ormai, una parte fondamentale della nostra economia”, ha dichiarato il capogruppo del Pd alla Regione, Antonio Decaro. Ora si dovrà procedere con un tavolo tecnico cui parteciperanno consiglieri regionali ed esperti degli assessorati alla Cultura e all’Assetto del territorio, al fine di definire il regolamento della legge.

Quali sono le ricadute positive, e di cosa si tratta nel dettaglio?

La legge offrirà ai turisti l’opportunità di risiedere nei centri storici e nei borghi rurali (e la Puglia è ricca di questa tipologia) direttamente a contatto con tradizioni, usi, costumi e cucina tipica del luogo scelto per il soggiorno. L’albergo diffuso, infatti, pur offrendo gli stessi servizi di una classica struttura ricettiva alberghiera, possiede una caratteristica in più, molto apprezzata dal moderno viaggiatore: le sue stanze non si trovano in un solo immobile, ma sono ‘sparse’ in più stabili dello stesso centro storico o del borgo.

Nello stabile principale è prevista la centralizzazione dei servizi comuni. La Regione incentiva la realizzazione di queste strutture. Le procedure inerenti la regolamentazione degli alberghi diffusi sono quelle previste, per le parti applicabili, dalla L.R. n. 11/1999 e successive modifiche e integrazioni.

La Giunta regionale approverà entro 120 giorni un regolamento attuativo che specificherà anche le modalità e le caratteristiche dell’albergo diffuso (che potrà essere utilizzato anche per meno di sette giorni) in relazione al centro storico e al borgo rurale, “nonché alle aree contermini” in cui è insediato.

Per Decaro, inoltre, “l’albergo diffuso risponde all’esigenza di destagionalizzare il turismo, attirando in Puglia visitatori anche al di fuori dei periodi canonicamente destinati alle vacanze – per esempio l’estate o il Natale – favorendo nel contempo la generazione di un importante indotto economico che si riflette positivamente sull’occupazione”. “L’istituzione degli alberghi diffusi – aggiunge – contribuirà notevolmente a frenare lo spopolamento dei borghi, creando l’esigenza di nuove figure professionali: basti pensare alle guide turistiche, agli interpreti o al personale addetto ai punti informativi dedicati ai turisti”.

“L’albergo diffuso - rileva il capogruppo - è un po’ casa e un po’ albergo, e siamo certi che intercetterà le esigenze di diverse tipologie di turisti: chi è interessato a soggiornare in un contesto urbano di pregio, chi ama vivere a contatto con i residenti, chi adora la cucina tipica, chi apprezza l’arte, la storia e l’architettura dei borghi antichi”. “Anche a questo, infatti, sarà utile questa particolare struttura ricettiva: a valorizzare i centri storici di interesse artistico e architettonico, e a recuperare vecchi edifici chiusi e abbandonati, mettendoli al servizio della ricettività turistica e evitando così nuove costruzioni”.

“Insomma - conclude Decaro - l'albergo diffuso non offrirà solo tanti buoni motivi in più per venire a trascorrere le vacanze in Puglia, ma sarà anche una grande occasione per valorizzare i centri storici e i borghi antichi pugliesi, anche i più piccoli, favorendone la capacità di attrarre un gran numero di visitatori”.

A Casamassima qualcosa pare che cominci a muoversi con l’avviamento di un b&b (bed & breakfast), ma è solo l’inizio, occorre dare maggior vigore alle iniziative e alla rinascita di un borgo addormentato.

Dopo il Balcone fiorito, tra poco ci apprestiamo a vivere una 3 giorni di full immersion nel centro storico grazie alla Sagra del vino, che quest’anno vede anche la nostra partecipazione, a supporto della comunicazione dell’evento (trasmetteremo in diretta web); saremo proprio noi, infatti, a coordinare una tavola rotonda dedicata proprio al turismo, all’incoming derivante dagli eventi e non ci faremo mancare le testimonianze dei paesi vicini. Non mancheremo di sentire anche il neo assessore alle Attività produttive, Gino Petroni.

Commenti  

 
#15 TIMIDO 2011-07-12 14:30
Caro Antonio, io e te abbiamo sempre parlato di progetti per il nostro amato comune, quindi spero che questa sia la volta buona.
Non dimenticare che nelle nostre tante chiacchierate si è parlato anche delle famose grotte, e di quanti posti di lavoro porterebbero alla nostra comunità.
 
 
#14 arch.A_P 2011-07-12 11:44
Gentili Amici , nessuna prevaricazione o allontanamento da Voi e/o da altri ...
Il mio intervento sul Evoluzione del Centro Storico voleva essere un contributo conoscitivo non critico per informare che già da tempo ci si stava muovendo nel senso del Recupero del Centro Storico ..e di albergo-diffuso...Nella mia precisazione non c'era nessun Nome o Colore Amministrativo ...solo informazione .... per quanto all'incontro conoscitivo presso la sede del Gal-seb lo stesso è stato organizzato all'ultimo momento da me ( solo quale Socio Gal-seb non altro ) tra l'Assessore alle attività produttive Petroni e il Presidente e il Direttore Gal-seb ( casualmente abbiamo salutato l'intero CDA in riunione ). Nell'incontro , ripeto a scopo conoscitivo, ci si sono scambiate solo promesse di ulteriori incontri per ulteriori sviluppi che certamente Vi vedranno non solo partecipi ma , sono certo , coautori-collaboratori ...
Ora mi è obbligo comunque una esortazione , non coloriamo sempre tutto politicamente , forse questo ha bloccato per molto tempo Casamassima , il prossimo colore del Centro Storico sarà soltanto AZZURRO .... Ci solo grandi progetti nel prossimo futuro e per " il paese azzurro ".
 
 
#13 TIMIDO 2011-07-11 15:45
Vista l'entità delle accuse rivolte a presunti dirigenti comunali, collusi con partiti o addirittura con " mafia e massoneria ", pregherei, se i fatti rappresentassero il vero, il gentile "commento", di inoltrare denuncia dettagliata al più vicina stazione dei Carabinieri.
Altrimenti questo tipo di "denunce", non fanno altro che infangare il lavoro di tanti onesti dipendenti comunali.
Questo è l'unico modo, che lei ha, per risolvere concretamente il problema.
 
 
#12 Arianna Zizzo 2011-07-09 00:04
Per opportuna chiarezza mi preme precisare che sono componente del consiglio di amministrazione del GalSeb e non Presidente, che, ormai da più di 2 anni sta muovendo passi importanti per la promozione del territorio dei 5 comuni. L'rchitetto Pastore, caro amico, avrebbe per spirito di campanilismo e per un vero lavoro di squadra, fatto bene a interessare la sottoscritta e il Dott. Tripoli, altro componente del cda per Casamassima per eventuali programmi futuri, certo il mio UNICO interesse e fare in modo che Casamassima e i suoi imprenditori avessero la giusta e doverosa visibilità, capisco che non essere tra i vincitori di queste amministrative significhi essere persona "inutile" ma adessso dobbiamo preoccuparci dell'interesse di Casamassima o continuare una campagna elettorale che ha già dei vincitori? Io continuo a dare il mio contributo Voi agite come meglio credete.
 
 
#11 commento 2011-07-08 16:06
@evoluzione. Sarei curioso di sapere se a lei piace essere preso per i fondelli. L'avvio dell'amministrazione Birardi ha dato l'impressione di avere, finalmente e per fortuna un super sindaco. Peccato che non è cosi...infatti non si è detto come stanno veramente le cose usurpando i meriti della precedente amministrazione grazie all'amico d'ufficio che finalmente ha avviato le procedure per la tante cose bloccate da anni. E' doveroso portare a conoscenza dei cittadini questo piccolo dettaglio in maniera che ognuno di noi possa chiedersi perchè tutti questi progetti erano bloccati...chi li ha bloccati? E' giusto che dei dirigenti comunali possano fare politica e campagna elettorale per un partito?...e mi chiedo è giusto rassegnarsi all'idea che per far andare casamassima avanti ci si deve mettere con i poteri forti?...con la mafia? con la massoneria?
Queste informazioni devono essere conosciute dai casamassimesi altrimenti non si comprende mai e casamassima fara solo finta di evolversi ma in realta tutto rimane come da sempre è stato.
 
 
#10 evoluzione 2011-07-08 11:37
Giusto un pensiero.
A legger i commenti dei politici (e sostenitori) di sinistra viene da pensare che tutto quello che accade nel nostro piccolo paese di provincia, oggi, sia il risultato di azioni di governo passate.
Va bene.
Ma perchè, mi chiedo, Casamassima è in questa condizioni di involuzione?
A tutti i livelli!?

Una riflessione che scaturisce spontanea: ok, avete avviato.
Ma ora qualcuno DEVE portare avanti. Il mondo cammina, va avanti, il tempo non si ferma porca miseria!
E che scocciatura!
Sembra quasi che siccome non c'è più il centrosinistra Casamassima si deve fermare.
Io pago le tasse in questo paese e pretendo che le amministrazioni (di destra e sinistra) facciano il loro dovere, e non me ne frega niente del resto, va bene?????????
La campagna elettorale è finita.
 
 
#9 Seneca 2011-07-08 10:31
La scelta politica di far parte del GAL SEB la si deve all'amministrazione di centrosinistra, che ha sempre guardato allo sviluppo economico e lavorativo del nostro paese in rete con gli altri Comuni, oltre che alla valorizzazione dei beni che possediamo. L'attuale amministrazione ha trovato un ottimo "percorso già tracciato". Si abbia l'umiltà di riconoscerlo e di non dire soltanto "noi stiamo facendo".
Grazie Arianna per le tue capacità e per il lavoro che stai svolgendo.
 
 
#8 Curioso 2011-07-07 12:11
Certo che la Zizzo si sa muovere bene, è entrata come componente del consiglio di amministrazione in rappresentanza degli imprenditori locali ed oggi è diventata Presidente!!! WOWWWW!! Speriamo ci sia un ritorno EFFETTIVO anche per la nostra cittadina!!!
 
 
#7 Galileo Galilei 2011-07-06 23:59
Anche il Gal è un progetto che parte con l'amministarzione passata e di cui è presidente Arianna Zizzo..ez consigliere del PD.
 
 
#6 redazione 2011-07-06 23:34
Gentile architetto Pastore,
è proprio uno degli argomenti che dibatteremo durante il nostro speciale sagra in diretta web dal centro storico: questo significa che anche i casamassimesi che vivono all'estero potranno seguire la manifestazione e apprendere gli sviluppi.
La tavola rotonda di lunedì poi, mira a dare risonanza specifica all'organizzazione di eventi per rendere attrattivo un territorio.

L'ass. Petroni è già stato allertato e senz'altro avrà modo di mettere al corrente la popolazione di quello che l'amministrazione sta facendo.

Solo una nota: l'iter di legge non è così futuristico. Questione di mesi.
 
 
#5 arch. A_P 2011-07-06 20:39
Casamassima è inserita nel GALseb la quale nella misura 313 azione 5 così riporta : Con la presente azione si intende potenziare un modello di ricettività turistica,
quello non professionale, che sta assumendo un ruolo sempre più rilevante
nella nostra Regione, ma che è ancora poco sviluppato nell’area del GAL.
L’idea è quella di aumentare il numero di posti letto frazionati in piccole
strutture, tutelando le esigenze di realizzazione in tempi brevi, di
contenimento dei costi di investimento e di recupero di strutture inutilizzate
osservando le specificità edilizie/architettoniche del patrimonio edilizio
storico del comprensorio rurale.
L’azione sostiene gli investimenti che permettano di migliorare l’offerta dei
servizi attraverso forme innovative di ospitalità rappresentate dal modello
dell’albergo diffuso.
L’albergo diffuso è un albergo orizzontale, un progetto di ospitalità integrato
nel territorio, nella sua cultura e nella sua comunità. Caratteristiche di un
Albergo Diffuso sono:
- la gestione unitaria;
- l’offerta di servizi alberghieri (accoglienza, colazione, pulizie, ecc.), e
ambienti comuni a tutti gli ospiti alloggiati nei diversi edifici che lo
compongono;
- l’integrazione nel territorio e nella sua cultura;
- una gestione professionale non standard, non simile a quella che
caratterizza gran parte degli alberghi che fanno parte di catene
alberghiere, ma coerente con la proposta di autenticità dell’esperienza, e
con le radici nel territorio;
- uno stile riconoscibile, una identità leggibile in tutte le componenti della
struttura ricettiva, che non configura come una semplice sommatoria di
case ristrutturate e messe in rete.
Come vedete non è vero che Casamassima è fuori da ogni progetto ... solo bisogna crederci e agire di conseguenza .... prprio ieri con l'assessore alle attività economiche habbiiamo prese contatto con il Direttivo GALseb per avviare su Casamassima tutta una serie di iniziative per lo sviluppo agricolo-truristico-ricettivo ... dateci tempo e avremo anche l'albergo diffuso ... per ulteriori chiarimenti rivolgersi per competenza....
 
 
#4 TIMIDO 2011-07-06 15:30
Cara redazione, scusami per l'errore "di invece di in".
Come ti spieghi allora l'apertura a Castellana e Putignano dei siti, mentre a Casamassima nisba?
Forse l'eventuale apertura del sito Casamasimese dava, sicuramente, fastidio ai Comuni vicini?
Spero che l'argomento venga sviscerato in ogni sua forma e che si arrivi finalmente alla soluzione, magari portando alla luce le meravigliose grotte (bianche) di Casamassima, insieme ai tanto agognati posti di lavoro.
 
 
#3 franco tiratore 2011-07-06 15:03
Hai fatto bene Marilena a rilanciare la notizia della legge sull'albergo diffuso. A Conversano c'è Corte Altavilla, che è il miglior spot per iniziative come questa. A mio modo di vedere è uno degli ultimi treni che possono salvare il nostro borgo antico dal degrado. Quello che ci vuole adesso è il coraggio da parte di proprietari, imprenditori o - meglio - di proprietari che diventano imprenditori. Ci sono una marea di abitanti del borgo antico che sono proprietari di "iosr", sottani e locali che da soli non fanno una casa, ma una camera d'albergo la fanno eccome. So di locali in vendita a 2-3mila euro tuttora invenduti. Se questa iniziativa prenderà, come mi auguro, piede prenderemmo finalmente coscienza della fortuna che abbiamo tra le mani.
 
 
#2 redazione 2011-07-06 14:49
Caro Timido,
perchè scrivi "chi si è messo in contrasto?".

La verità non è in tasca e per quanto potremo indagheremo sulla vicenda. Resta che se i cittadini ne sanno qualcosa potrebbero contribuire agli approfondimenti..
 
 
#1 TIMIDO 2011-07-06 13:38
Cara redazione l'idea è ottima, ma temo che a Casamassima ci vorrà ancora del tempo prima di poterla mettere in pratica.
Vorrei invece aprire un dibattito, se me lo consenti, sulle grotte di Casamassima, questa si che sarebbe una risorsa infinita di turismo.
Perchè non si è creata anche qui la stessa struttura di Castellana o Putignano?
Chi si è messo di contrasto?
Perchè l'attuale amministrazione non si fa carico del problema?
Non trarrebbe giovamento anche Auchan dall'apertura di un tale sito?
Cosa ne pensi?
Grazie.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI