Mercoledì 12 Dicembre 2018
   
Text Size

PRODOTTI LOCALI RADIOATTIVI? FONDI PER LA CERTIFICAZIONE

alimenti avariati

Ne saranno certamente contenti gli agricoltori: è in arrivo un fondo di 300mila euro per effettuare le analisi e la certificazione di radioattività per tutti i prodotti ortofrutticoli pugliesi destinati all’esportazione. A dichiararlo è il consigliere regionale Pd, e presidente della Commissione Sanità, Dino Marino: “Sono molto soddisfatto per l’approvazione in Aula dell’emendamento che istituisce un articolo aggiuntivo alla legge di bilancio di assestamento, di cui sono il primo firmatario. Si tratta - spiega - di un provvedimento che aiuta sul piano tecnico e sostanziale i produttori pugliesi e li mette in condizioni di rispondere alle richieste, come quelle della Bielorussia che nei giorni della crisi per l’esplosione del batterio Eceh, ha richiesto al sistema ortofrutticolo italiano la certificazione di radioattività sui prodotti destinati al loro mercato”.

“Con questo provvedimento – evidenzia il presidente della III Commissione consiliare – ho dato un aiuto concreto ad un settore che esporta prodotti ortofrutticoli per circa 4 miliardi di euro all’anno. Certificazione che nell’Italia meridionale si può effettuare solo presso l’Istituto Zooprofilattico di Foggia, che già sta certificando i prodotti del Portogallo ed è riconosciuto sul piano scientifico a livello internazionale”.

“In questo grave momento di crisi – conclude – aver aperto un fondo per far partire un nuovo servizio concreto di aiuto al sistema agro-industriale e ai prodotti pugliesi, assume una grande rilevanza sul piano economico e politico”.

Commenti  

 
#1 TIMIDO 2011-06-29 15:42
La buna politica si fa stando vicino alla gente e assecondando, nel possibile, le richieste delle piccole e medie imprese, questo stanziamento è un esempio di buona politica.
Vorrei capire però come le aziende possono accedere al servizio e se i 300 mila euro basteranno a soddisfare tutti.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI