Mercoledì 19 Dicembre 2018
   
Text Size

SCUOLE MEDIE, PARTITE IERI LE PROVE D’ESAME

scuola media_esami

Le vacanze estive non sono ancora iniziate per 203 ragazzi casamassimesi, chiamati a sostenere l'esame di stato di terza media a partire da ieri, martedì 15 giugno.

I ragazzi, appartenenti a nove classi, dovranno affrontare 5 giorni di prove scritte di Italiano, Matematica, due lingue straniere e infine la prova nazionale Invalsi. Dopo qualche giorno di pausa sosterranno un colloquio finale su tutte le materie studiate nell'ultimo anno. Per quanto riguarda la seconda lingua straniera il Miur stabilisce l'autonomia dei collegi dei docenti nella scelta se fare o meno la prova scritta.

“Nella scuola media di Casamassima - ci spiega la dirigente scolastica Francesca Santolla - tutte le classi studiano due lingue e, come accade da sempre, faremo la prova scritta anche per il Francese, questo per garantire la pari dignità alle due lingue comunitarie e per evitare che gli studenti attribuiscano durante l’anno minore importanza alla lingua non oggetto di esame”.

Conversando con la dirigente scopriamo che la novità principale di quest’anno riguarda la prova Invalsi. Si tratta di un test predisposto dall'Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema d'Istruzione e Formazione su mandato del ministro. Il test Invalsi si svolgerà su scala nazionale per tutte le scuole in data 20 giugno, unica data stabilita dal ministero della Pubblica istruzione. Quest'anno accogliendo le richieste di diverse scuole, si è deciso di allungare di 30 minuti il tempo a disposizione per lo svolgimento del test, 15 minuti in più per il test di matematica e 15 in più per il test d'italiano. Ogni prova durerà quindi 75 minuti con un intervallo di 15 minuti fra una prova e l’altra. Inoltre, altra novità, è stato stabilito che gli alunni svolgano prima la prova di matematica e poi quella di italiano, ritenendo il test matematica più difficile.

La dirigente Santolla ci illustra infine le modalità di attribuzione del voto finale: “Il voto finale si ottiene facendo la media aritmetica tra i voti di ammissione, quelli di tutti le prove scritte, compresa la prova Invalsi, e della prova orale. Sia il voto finale che il punteggio di ciascuna prova dell'esame saranno espressi in decimi. Agli alunni che ottengono una media di 10/10, la commissione può all’unanimità assegnare la lode”.

Ore 11.20 (del primo giorno di esami) e iniziano a uscire dalle aule i primi ragazzi che hanno terminato la prova scritta di italiano, a loro chiediamo gli argomenti delle tracce somministrate dai loro professori e se fossero difficili o meno.

“Le tracce erano tre: una sui problemi del mondo degli adolescenti, un’altra sui problemi sociali attuali e un’altra più semplice in cui bisognava scrivere una pagina di diario. Non ho avuto nessuna difficoltà”.

“Nulla di complicato – risponde un’altra ragazza – la professoressa ci ha ben preparato durante l’anno”.

“Mi aspettavo tracce del genere. È stato facile”.

Agli stessi ragazzi chiediamo quali aspettative hanno dalle scuole superiori e dalla vita.

“Io non ho paura delle scuole superiori, anzi non vedo l’ora. Voglio diventare una fotografa, sono convinta di aver fatto la scelta giusta”.

“Io ero un po’ indecisa, ma i miei genitori e i professori mi hanno aiutata e incoraggiata”.

“Abbiamo avuto diversi colloqui con i nostri professori e con insegnanti di alcune scuole superiori, sono stati importanti per me per la scelta”.

Scopriamo la soddisfazione dell’insegnamento ricevuto nella scuola media di Casamassima ma anche, in molti di loro, il desiderio di andar via, alcuni già parlano dell’università: “Io voglio studiare fuori e non tornare mai più”.

Sopprimendo la curiosità di chieder loro ragioni di tale determinazione, li salutiamo e gli auguriamo buona vita!

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI